Follow us on social

Mattia Morretta

  /  Articoli pubblicati da Mattia Morretta
Biografia

Nato in provincia di Salerno, psichiatra e sessuologo, lavora nell’ATS di Milano ed è membro della Commissione Psicoterapia dell’Ordine dei Medici di Monza. Ha alle spalle una storia di costante impegno sociale (cofondatore della prima Associazione italiana nel campo Aids), progetti di educazione alla salute nelle scuole e formazione degli operatori.

Morretta ha collaborato a produzioni radiofoniche, teatrali ed editoriali (Enciclopedia Amare Fabbri Editori e rivista Babilonia). Ha pubblicato saggi di approfondimento psicologico e culturale, tra i quali: Assistenza domiciliare a persone con Aids (Franco Angeli, 1992,) Il percorso del morire (Unicopli, 1995), Che colpa abbiamo noi. Limiti della sottocultura omosessuale (Viator, 2013), Tracce vive. Restauri di vite diverse (Viator, 2016), Viva Dalida. Icona immortale (Viator, 2017), Questo matrimonio non s’ha da fare. Crisi di famiglia e genitorialità (Viator, 2019).

A maggio 2021, Morretta ha dato alle stampe Tra di noi l’oceano. Modernità di Emily Brontë ed Emily Dickinson saggio edito da Gruppo Editoriale Viator.

Un archivio di articoli e scritti è consultabile sul sito https://www.mattiamorretta.it

Il mio primo buon giorno - dopo tanta malattia chiesi di andar fuori, a prender in mano la luce solare, vedere le creature in vaso sbocciate giusto quando io ero alle prese col malanno, incerta su chi tra me e lui si sarebbe dimostrato il più forte. (n.

Almeno duecento poesie di Emily Dickinson svolgono un tema naturalistico, con un tono di constatazione obiettiva dei fenomeni, presa d’atto di un’entità che non va interrogata (a differenza del Signore), non conoscibile del tutto in quanto consustanziale. Non occorre andarle

Prosegue la riflessione dell'autore sulla figura di Emily Dickinson. E' possibile leggere la prima parte qui. Le poesie sono tradotte dall'autore.   Amherst, Massachusetts, 150 chilometri a ovest di Boston, novanta metri di altitudine, nella valle del Connecticut River (Pioneer Valley), la

L’uomo guarda le bestie con invidia coperta da disprezzo, dice Umberto Saba, perché assecondano la vita e le sue leggi, rivelandone il fondo. La “materia” non raziocinante e non parlante, non giudicabile o imputabile in quanto non responsabile degli atti,

In occasione dell'ultima edizione di Umbria Green Festival, Mattia Morretta, psichiatra, sessuologo e saggista, ha tenuto un panel sul rapporto tra Emily Dickinson e la Natura. Ci immergiamo nel mondo della poetica di Dickinson attraverso lo sguardo di Morretta, riportando

You don't have permission to register